Sempre libera di Lorenza Natarella

La «sacrosanta traviata» della vita di Maria Callas


Parto subito dal «perché»: perché leggere una graphic novel sulla vita di Maria Callas? Me lo sono chiesta a lungo prima di decidermi ad acquistare Sempre libera di Lorenza Natarella (BAO Publishing, 2017) dato il mio scetticismo per il genere biografico e la mia ammirazione per il più sublime soprano di tutti i tempi. Leggi anche: bastava poco per restare insoddisfatta - o peggio delusa. 
Il «perché» è arrivato sfogliando questo volume, prendendomi il tempo necessario ad «accettarne» tutta la ricchezza grafica e contenutistica, ad apprezzarne ogni vignetta, ogni sequenza, ogni emozione di cui è capace.


Perché Sempre libera non è solo la «vita illustrata» di una donna tenace, impetuosa e tormentata: è la passione viscerale per la musica, il talento straordinario, la voce di Maria Callas. Tutto questo prende corpo sulla carta attraverso il tratto fine e spigoloso - veramente unico - di Lorenza Natarella: fiato, nervi, sangue della «Divina» si materializzano e si rincorrono continuamente e liberamente sulla tavola con movimenti slanciati, frenetici e istintivi che ne incarnano le pulsioni e i sentimenti senza misura. 
La decostruzione delle pagine sprigiona tutta l’incontenibile personalità della Callas, in un alternarsi di rosa e nero (la scelta bicromatica - audace ed elegante - che caratterizza l’intero volume), sostenuta da un altro elemento degno di nota: il lettering. Sempre Libera è infatti scritto a mano da Lorenza Natarella: la calligrafia dell’autrice fa letteralmente vibrare le tavole, le imprime di parole cantate, urlate, traboccanti della vitalità di Maria Callas. È in definitiva l’unione di tratto e calligrafia dell’autrice che conquista: riesci a sentire la Callas e ad emozionarti con lei.

Dal punto di vista della narrazione, Sempre Libera ripercorre le tappe fondamentali della biografia e della carriera della «Divina», cercando il più possibile di assecondare la cronaca all’introspezione del personaggio, la cui tragedia si consuma tanto sul palco, quando la Callas diventa Violetta, Norma o Tosca, quanto a luci spente, quando non resta che Maria, un animo fragile e inquieto. Difficile comunque distinguere Maria dalla Callas. Intorno a lei vengono presentate le figure che, ciascuna a modo proprio, hanno contribuito a questo inscindibile dualismo: la madre Evangelia, l’insegnante Elvira de Hidalgo, il marito «Titta», la storica rivale Renata Tebaldi, Luchino Visconti, Franco Zeffirelli, Pier Paolo Pasolini, Aristotele Onassis («l’altro greco» che le sarà fatale).

La voce narrante di Lorenza Natarella ha il merito, grazie alla sua leggerezza e ironia, di tenere in equilibrio la complessità di questa composizione e smorzare la drammaticità del racconto: il suo tono pungente e beffardo riesce a «umanizzare» il mito e ricordarci che dietro quegli occhi fieri, incorniciati di nero, si cela una donna con le sue passioni, le sue psicosi, le sue pene, come tante altre prima e dopo di lei. La potenza e l’incanto di cui la diva è capace sul palco, dove si sente pienamente se stessa, quasi scompaiono in un privato costellato da insicurezze e insoddisfazioni, amori tormentati, il peso della fama e della sua stessa icona, invidie e maldicenze e una profonda malinconia che la accompagneranno fino alla fine. Le ultime pagine di Sempre Libera si fanno più scarne ed essenziali, così come, dopo una carriera e una vita travolgenti, la «sacrosanta traviata» si consuma lentamente e Maria Callas «smette di cantare» il 16 settembre 1977.

Riparto - e concludo -  dal mio quesito iniziale: perché leggere una graphic novel sulla vita di Maria Callas? Perché Sempre Libera, oltre ad aver vinto il mio personale scetticismo sul genere (ma questo poco importa), non è una semplice biografia: è un libro di una bellezza e un’originalità grafica tutta sua che vi farà cantare ed emozionare ad ogni pagina. Non in ricordo ma insieme all’immortale «Divina».

Angela Convertini



Sempre libera 

Testi e disegni: Lorenza Natarella
Bao Publishing, 2017

Commenti

Post più popolari