MACERIE PRIME

Impressioni sul nuovo libro di Zerocalcare.

<<Ma secondo te sono contenti, nel posto-dove-vivono-tutti?>>
<<Bisogna chiedere a loro. È una domanda difficile.>>
Macerie prime, il nuovo libro di Zerocalcare, è un tentativo di rispondere a questa domanda. Un tentativo incompiuto per due motivi: il primo, perché la risposta <<dipende da un sacco di cose>>; il secondo, perché per scoprire il finale di questa storia bisognerà attendere maggio 2018, quando sarà pubblicato il secondo e ultimo capitolo. È per questo che, arrivati all’ultima pagina, ci si ritrova inevitabilmente in uno stato di sospensione: “se una notte di inverno un armadillo…”.
In Macerie prime torniamo a Rebibbia e ritroviamo gli amici di sempre di Calcare che, per la prima volta in maniera decisa, compie un passo al di fuori del proprio mondo interiore per condividere la narrazione con ognuno di loro, raccontando come la loro vita sia cambiata negli anni. Cinghiale, Secco, Sarah, Katja, Deprecabile: un gruppo di trentenni alle prese con i doveri e le responsabilità dell’età adulta, a cui sono arrivati non senza fatica e davanti a cui si sentono del tutto impreparati, vulnerabili, inermi. A ognuno di loro manca un pezzo: chi per il lavoro, chi per la ricerca di una stabilità sentimentale, chi per il senso di inadeguatezza rispetto alle sfide riservate dal futuro. E poi c’è Calcare, più che mai sommerso di accolli. Il suo è il prezzo da pagare per essere diventato qualcuno al di fuori del suo mondo. Solo che non è così semplice restare se stessi dovendo rendere conto a un’infinità di persone, cause ed eventi: nemmeno i consigli del buon vecchio Amico Armadillo gli saranno utili questa volta. 
Una soluzione sembrerebbe – il condizionale è d’obbligo - arrivare nelle ultime pagine: un crescendo di tensione che si interrompe proprio al suo culmine, lasciando il lettore col fiato a metà. 

Le vicende del microcosmo di Rebibbia, raccontate dal tratto ora duro e sferzante, ora ironico ed esilarante dell’autore, sono alternate da una narrazione parallela, tenebrosa e post-apocalittica, che di fatto racchiude l’universalità del messaggio di Macerie prime. Il “posto-dove-vivono tutti” è quello in cui davvero tutti cerchiamo di sopravvivere, ognuno con le proprie macerie, schiacciati dal peso degli anni che scorrono, dei sogni costretti a restare in fondo ad un cassetto, del senso di rabbia e frustrazione che si impossessano di noi quando la vita che immaginavamo si rivela esattamente tutta un’altra cosa e proprio non riusciamo a darle un senso, una direzione, una svolta. Difficile dire se si è contenti, in un posto del genere, perché <<noi questo siamo>>. Tutti i personaggi di Macerie prime si trovano, alla fine del libro, esattamente in questa condizione. Si sono abituati alle loro macerie, <<sennò erano morti>>, eppure si capisce che non potranno sopportarle ancora a lungo. Devono riuscire a trovare il coraggio di cambiare una volta per tutte, prima che le “cose feroci” prendano il sopravvento. Altrimenti sarà troppo tardi.


Perché leggere Macerie prime? Perché ognuno di noi potrebbe essere Secco, Sarah, Cinghiale. È impossibile non immedesimarsi in quello che succede a Calcare e ai suoi amici: il loro è il ritratto crudo e schietto dei giovani nel nostro Paese. Una generazione di <<potenzialità e talenti inespressi>> che ogni giorno cercano di sopravvivere e lottare per trovare il proprio posto nel mondo. Perché se è vero che fa paura fermarsi a riflettere su quello che ci siamo lasciati alle spalle per arrivare esattamente dove siamo in questo momento, è anche vero che dalle macerie si può sempre ripartire per costruire qualcosa di nuovo.

Angela Convertini



MACERIE PRIME
di Zerocalcare
192 pagine
BAO Publishing / novembre 2017

Commenti

Post più popolari