#Like4Like

L'impossibilità di vivere senza like





"Quei maledetti likes li vogliamo a tutti i costi. Pur di averli siamo disposti a vendere la nostra intimità, i nostri corpi, i nostri affetti, li mettiamo in bella vista sul bancone di vendita delle piattaforme in cui abitiamo… e preghiamo che piacciano a più utenti possibili. Ed è strano perché, nel nostro mondo, tutto questo non ha assolutamente senso. Ma non possiamo vivere senza likes."
dall'introduzione di Marco Rincione

Un hashtag. Un follower. Un like.
Concetti che fino a qualche anno fa erano praticamente inesistenti e che invece, pare, influenzano sempre più la nostra esistenza. Ed è proprio intorno a questo assioma che si sviluppano le storie, tragiche e sin troppo attuali, di #Like4Like, splendido volume realizzato da Marco Rincione e Francesco "Prenzy" Chiappara per la collana Fumetti Crudi di Shockdom.



"Cantami o diva l'ira della rete
imprevedibile come le onde
cantami della fame di attenzione
della sete di ogni idea che si diffonde
Cantami o diva dello sciame digitale
l'ironia sta diventando una piaga sociale
cantami dell'immagine ideale
da qualche parte c'è ancora
sporchissimo il reale" 
Iperconnessi, Le Luci della Centrale Elettrica

Le tre storie di #Like4Like, due a fumetti e una in prosa, ruotano intorno alla ricerca dell'apprezzamento degli altri - anche e soprattutto sconosciuti - tramite i social network. Whitney, Alessio e Manuela sono persone incastrate in un surreale ingranaggio di un futuro nemmeno così remoto in cui l'unico verbo che conta è quello del Grande Like. La tua vita può cambiare davvero se qualcuno mette "mi piace" a una tua foto o a un video. Da lì provengono i guadagni o il numero di giorni che restano da vivere.

Il volume è sceneggiato da Marco Rincione, che solo qualche mese fa avevamo eletto Autore rivelazione italiano ai nostri Audaci Awards. Qui, Rincione torna a colpire durissimo.
Nella realtà da lui descritta i social network rendono le persone comuni gente spietata, vacua, volubile. Le sue storie appaiono come il frutto ragionato e profondo di pensieri maturi sulla società delle apparenze, che infonde un'importanza capitale in cose che fuori dallo schermo di un computer non dovrebbero avere alcuna ragion d'essere.
Un mondo che inevitabilmente riporta alla mente Black Mirror, al punto che queste storie potrebbero essere tranquillamente episodi inediti dell'apprezzata serie tv.



Rincione è accompagnato alle matite (e ai colori) da Francesco "Prenzy" Chiappara, autore palermitano proveniente dal gruppo PeeShow, che recentemente ha lavorato ad alcune produzioni Shockdom (come 666 - Il male dentro e Tutti pazzi). I due avevano già collaborato in passato, prima per il breve contributo di Prenzy alla tavola iniziale di PaperUgo (albo per il resto disegnato da un immenso Giulio Rincione), poi per il terzo numero della miniserie Noumeno (con il contributo ai testi di Lucio Staiano): in quest'ultimo caso il loro connubio aveva dato origine a un prodotto maturo ed efficace, improntato su tematiche nient'affatto banali.
Tornando a #Like4Like, Prenzy dimostra una notevole versatilità stilistica, passando dal grottesco all'onirico, dal cartoonesco all'immaginifico, a seconda di quanto suggerito dal testo. Contribuisce a questo effetto anche la colorazione, che varia da effetti più piatti ad altri simil fotografici e ricchi di sfumature. Tra le varie sequenze, segnaliamo l'intensità del progressivo avvicinamento delle inquadrature (prima una tavola con 6 vignette, poi via via 4, 2 e infine una) fino a mettere in primo piano l'occhio di Whitney ed entrare nella sua mente (pagg. 24/27). Molto interessanti tecnicamente anche alcune tavole dell'ultima storia in cui il contenuto delle vignette arriva a espandersi oltre gli spazi bianchi. 
Prenzy si conferma, dunque, un artista in crescita costante, che da tempo ha catturato la nostra attenzione e che continueremo senz'altro a seguire (lo ritroveremo ad esempio su Gangster della Bugs Comics e sul prossimo numero di Battaglia della Cosmo).


Meritano un cenno le due copertine (una per il mercato delle fumetterie e una per la versione da libreria del volume). La cover diffusa mesi fa raffigura una ragazza che pratica un rapporto orale al pollice dell’icona del like, un'immagine molto trasgressiva (troppo?) e destinata a far discutere, ma allo stesso tempo incisiva nell'estremizzare il concetto del valore di un like. Non meno trasgressiva l'illustrazione realizzata in seguito per la cover alternativa: un uomo e una donna che si fanno un selfie con la bara di un familiare defunto. Anche questa è certamente un'immagine provocatoria, che però oltre al grottesco contiene quella verve di critica sociale che caratterizza l'intero volume.
Come ha dichiarato lo stesso Rincione, "#Like4Like è un esperimento narrativo: nasce dalla voglia di ricostruire la realtà in cui viviamo, ristrutturarla senza peraltro cambiarla del tutto, mantenendo intatti i principi che governano la vita sui social".
Infatti dalle pagine di #Like4Like traspare un mondo folle, surreale e a tratti incomprensibile.
A ben guardare, è proprio il nostro mondo.

Il sommo audace



#Like4Like
Collana: Fumetti Crudi
Editore: Shockdom
Data di pubblicazione: Settembre 2017

Testi: Marco Rincione
Disegni: Prenzy






Commenti

Post più popolari