mercoledì 24 settembre 2014

LUKAS #7

Medda, Benevento, Lukas e i lupi
Dopo i primi sei, fantastici, numeri, finalmente è in mani Audaci Lupi, il settimo episodio della nuova e affascinante miniserie Lukas, scritta dal sempre geniale Michele Medda e ideata graficamente dal talentuoso Michele Benevento. Lo scrittore sardo continua imperterrito a regalarci storie degne di finire in un’antologia del fumetto perfetto e l’artista pugliese ritorna a deliziarci con il suo tratto oscuro e spigoloso dopo lo splendido numero uno, Deathropolis del marzo scorso.


Tra bestie (soltanto?!), le controversie si risolvono così...
Con il buon Lukas non si sta mai tranquilli, dovrebbero averlo capito anche la povera Bianca e i suoi due figli, Jessica e Brian: infatti, quella che doveva essere una tranquilla vacanza in famiglia si trasforma in un incubo terribile dal quale, purtroppo, non c’è risveglio.

Bogdan, il leader dei "Lupi"
Storia apparentemente fuori continuità, questa Lupi. Scriviamo “apparentemente” perché, pur non essendoci né Zara, né la nostra amatissima cattivona Wilda Belsen, il passato, come una scheggia impazzita, arriva a trafiggere la mente di Lukas riportando alla luce frammenti della sua vita passata (evitiamo di spoilerare troppo e ci limitiamo a segnalarvi che tutto questo lo trovate alle pp. 75 – 81).
Una tranquilla vacanza, ecco cosa doveva essere… in realtà per i nostri amici si tratterà di un periodo decisamente turbolento, specie per i maschi della strana “famiglia”: Brian e Lukas. Il primo si invaghisce di una bella ragazza del posto (una volontaria per un’associazione che lavora con gli anziani: lei fa lezioni di storia dell’arte) la quale, a un certo punto, sparisce nel nulla. La polizia va a interrogare il povero Brian perché dal cellulare della ragazza risulta una chiamata notturna proprio al cellulare del giovane. Per lui iniziano terribili ore di angoscia fino a quando la ragazza non verrà ritrovata… 

Liza, la bella protagonista
Pur di aiutare il figlio di Bianca, Lukas non esita un secondo e si getta a capofitto nelle sue indagini personali e – come sempre – paranormali. Questa volta, spiando un gruppo di bikers accampati poco fuori città, viene a contatto con dei lupi mannari. 
Bogdan, il loro leader, è un pacifista che legge Svetonio e ha fatto sì che i suoi compagni rinunciassero al sangue umano, ripiegando su animali. Ma la sua leadership è in bilico proprio perché il richiamo del sangue è troppo forte, irresistibile per i lupi. 

Quando il bravo (e molto più umano di certi uomini) Bogdan viene ingiustamente accusato della “scomparsa” della ragazza, Lukas – convinto della sua innocenza – continua le sue indagini parallele e scopre che il vero colpevole è una sua (e di Magnus Belsen) vecchia conoscenza: un membro, ormai non più attivo, dei White Jaguar, un gruppo di mercenari che, in Africa, andava alla ricerca di un certo Jean Claude Danjuma. Intanto Bogdan ritorna dal suo branco e decide di chiudere definitivamente i conti con chi voleva cambiare stile di vita.

Insomma, il mistero si infittisce! Ne sapremo di più, si spera, sul prossimo numero Troll, in uscita il 23 ottobre… Come si fa a resistere?!
 
La paura e il ricordo che riaffiorano...
Lukas non si ferma davanti a niente!

Ashes to ashes, dust to dust...

RolandoVeloci


LUKAS: “Lupi” 
NUMERO: 7
DATA: Settembre 2014 
SERGIO BONELLI EDITORE 

SOGGETTO E SCENEGGIATURA: Michele Medda 

COPERTINA, DISEGNI E CHINE: Michele Benevento
COLORAZIONE COPERTINA: Lorenzo De Felici








Bozzetto che il disegnatore Michele Benevento ci ha gentilmente concesso di pubblicare!

La cover di Troll, il numero 8, sempre ad opera di Benevento

Nessun commento:

Posta un commento