sabato 10 novembre 2012

Di altre storie e di altri eroi

La nuova, personale graphic novel di Stefano Casini 



Ben lontano dall’essere “solamente” una delle colonne dello staff di Nathan Never, Stefano Casini è da tempo un autore completo di graphic novel di rilievo (“Maschere”, “Il buio alle spalle”, “Hasta la victoria!”…). Ce lo conferma quest’ultimo lavoro, presentato con l’editore Tunué a Lucca, dal titolo “Di altre storie e di altri eroi”.

Le storie e gli eroi del titolo potrebbero essere quelli dell’infanzia di ciascuno di noi, inabissati in uno scrigno di ricordi che il nostro Stefano apre per noi, in una storia talmente legata alle memorie, ai luoghi e alla famiglia, che altri proverebbero forse imbarazzo a raccontarla. 

E lo stesso Casini si chiede in fondo all’albo se valga la pena scrivere e raccontare episodi così personali, risolvendo il quesito con un rimbalzo al lettore: è valsa la pena leggere questa graphic novel? La nostra audace risposta non può che essere
Infatti, allo stile grafico particolare e per nulla accostabile ad altro che è ormai il marchio di fabbrica di Casini, qui si unisce una scrittura che in prima persona ci racconta il distacco tra il nostro mondo attuale e quel mondo, quegli anni ’60 in Toscana (e in particolare la provincia di Livorno, ma il sospetto è che si possa trattare di un contesto, di una fabbrica, di una scuola che è possibile rintracciare in tante altre province di quegli anni). 


E i protagonisti sono tanti, sono gli zii, i maestri, i nonni, i conoscenti, e narrano storie di guerra e di vita; tutto ciò arriva a noi “filtrato” dall’immaginazione del fanciullo a cui queste storie vengono raccontate, ragazzino che si crea i suoi miti e le sue leggende. Così i tedeschi saranno raffigurati come mostri sanguinari e gli eroi avranno le fattezze di personaggi del fumetto di quegli anni. 
Tutto narrato con una delicatezza ed accuratezza sconvolgenti.




A voler trovare un difetto, forse sarebbe stato opportuno segnalare (tramite splash pages o anche pagine bianche) il passaggio tra un capitolo e l’altro, o magari caratterizzare meglio le epoche temporali in cui le storie si svolgono. 



Ma sono davvero quisquilie per un fumetto scritto, disegnato e colorato in modo ineccepibile, tra matite, pennarelli ed acquerelli.
Giuseppe "Giuppo" Lamola


















Di altre storie e di altri eroi 

Editore: Tunué
Testi e disegni: Stefano Casini

Nessun commento:

Posta un commento