mercoledì 4 aprile 2018

Incontro su "Martin Luther King e la storia di Montgomery"

Presentazione dello storico fumetto all'interno della rassegna Fumetti&Popcorn



Giovedì 5 aprile alle 20, al Cinema Caffé Lanteri in occasione della prima edizione del Festival Utopia, Italy sarà presentato lo storico fumetto "Martin Luther King e la storia di Montgomery", ristampa italiana a opera del M.I.R. di Padova. 
L'evento, inserito nella rassegna Fumetti&Popcornvedrà protagonisti il Prof. Shimon Shemtov, direttore del Festival, e la giornalista Virginia Tonfoni, che introdurranno alla comprensione della storia e del fumetto in Sala CinemaGrazie alla collaborazione del Circolo Culturale Rustichello, la presentazione sarà intervallata e contestualizzata dai suggestivi cori gospel dell'Associazione "Voices of Heaven".

Comunicato stampa

Utopia, Italy Festival

Cinema Caffè Lanteri e Circolo Culturale Rustichello
presentano
“Martin Luther King e la storia di Montgomery”

Giovedì 5 aprile ore 19:30
Virginia Tonfoni e Shimon Shemtov presentano il fumetto in Sala Cinema

Giovedì 5 aprile alle 19.30, in occasione della prima Edizione di “Utopia, Italy: A New Festival for Courageous Dreamers”, il Cinema Caffè Lanteri ospiterà la presentazione del volume a fumetti “Martin Luther King e la storia di Montgomery”. L’appuntamento, che rientra nella rassegna Fumetti&Popcorn, vedrà come ospite la giornalista e autrice Virginia Tonfoni e il Prof. Shimon Shemtov, direttore del Festival, che ci introdurranno ai fatti storici, che hanno sotteso alla realizzazione del fumetto pubblicato per la prima volta nel 1958 negli Stati Uniti e successivamente ristampato, conservando colori e formato originali, come questa ultima versione italiana ad opera del M.I.R. di Padova. La scelta di questo libro rientra ed è concorde con la mission del Festival, diretto dal Prof. Shimon Shemtov della "New York English Academy", che quest’anno dedica il suo variegato programma di eventi ad una specifica cultura, quella afro-americana celebrandone la bellezza attraverso l’arte, e raccontata prendendo spunto da una grande ricorrenza: il 50° Anniversario della morte di Martin Luther King.
Grazie alla collaborazione con il Circolo Culturale Rustichello, a colorare e completare la serata di commemorazione sarà il coro Voices of Heaven, che per l’occasione eseguirà durante la presentazione dei brani gospel e spiritual, per aumentare l’empatia del pubblico in sala con il periodo storico e i suoi protagonisti.

Il fumetto. Nel mese di dicembre dell’anno 1956 la Corte Suprema degli Stati Uniti aveva dichiarato illegale la separazione razziale negli autobus a Montgomery e ciò aveva rappresentato un formidabile successo per la campagna di boicottaggio degli autobus da parte dei neri sostenuta da Martin Luther King. Minacce, provocazioni, arresti, attentati dinamitardi avevano cercato di indebolire il movimento di protesta, ma la natura nonviolenta dell’iniziativa aveva sempre impedito che si arrivasse ad uno scontro vero e proprio tra la popolazione bianca e quella di colore. Dopo il resoconto di quanto avvenne a Montgomery, il fumetto si sofferma brevemente sulla figura di Gandhi e sul suo ruolo chiave in importanti campagne nonviolente sostenute in India, tra cui quella contro la legge sul sale e quelle a favore degli intoccabili. Le ultime pagine del fumetto riassumono invece quanto degli insegnamenti di queste due importanti figure risulti ancora attuale e come ciò che viene definito come “Il metodo Montgomery” possa essere utilizzato anche al giorno d’oggi per combattere ingiustizie e soprusi. Ogni persona può dare il proprio contributo, sempre rimanendo nell’ambito di una lotta pacifica e nonviolenta che abbia a cuore sì il perseguimento dei propri obiettivi, ma conservando anche in ogni occasione il rispetto per i propri avversari. La forza e l’attualità degli insegnamenti di King sono evidenti, ma è la storia recente stessa che dimostra quanto questa affermazione sia vera. Nel 2008, infatti, Dalia Ziada, blogger egiziana e appartenente all’American Islamic Congress, decise di tradurre in arabo il fumetto allo scopo di promuovere la disobbedienza civile e lo distribuì in 2000 copie dal Marocco allo Yemen. Quanto il fumetto sulla storia di Montgomery e le parole di Dalia abbiano ispirato pochi anni dopo molte delle lotte che a volte vengono identificate con l’appellativo di “Primavera Araba” possiamo solo immaginarlo, ma è certo che i principi ispiratori della nonviolenza sono ancora vivi e vitali anche in questo terzo millennio.



Cinema Caffè Lanteri
Via San Michele degli Scalzi 46, Pisa


Nessun commento:

Posta un commento