lunedì 14 novembre 2016

La Stanza presenta “Dream Brother”

Un nuovo fumetto realizzato da Federico Mele e Simone D'Angelo


























La Stanza, il collettivo di autori, disegnatori e scrittori che si occupa di progetti legati al mondo del fumetto e della letteratura illustrata, presenta un nuovo fumetto, dal titolo Dream Brother (come la canzone del compianto Jeff Buckley), scritto e colorato da Federico Mele e disegnato da Simone D'Angelo, che sarà online dal 24 novembre.


Comunicato stampa

La Stanza, il collettivo di autori, disegnatori e scrittori che si occupa di progetti legati al mondo del fumetto e della letteratura illustrata, è orgogliosa di presentarvi l'opera a fumetti intitolata 'DREAM BROTHER' scritta e colorata da Federico Mele, con i disegni di Simone D'Angelo.

Sabbia, rocce, auto d'epoca, demoni e buona musica. Una DS Pallas blu sfreccia nel deserto del Nevada mentre lo stereo suona l'ipnotica melodia della canzone di Jeff Buckley "Dream Brother". Dentro l'auto si consuma un dialogo atipico tra due personaggi, simili per certi versi e opposti per altri, che ci accompagna verso un finale in cui tutto deve ancora succedere. Un interrogativo si impone, fra i tanti: che speranza abbiamo di vincere la battaglia contro il nostro retaggio?

Dream Brother uscirà online il 24 novembre 2016 sul sito La Stanza.

Biografie autori:
Federico Mele: impara a leggere con i fumetti che diventano da subito la sua grande passione, e già da bambino inizia a creare le sue prime storie . Finito il liceo linguistico frequenta il corso di fumetto della Scuola Internazionale di Comics di Pescara, nella quale si diploma tre anni dopo. Dal 2013 al 2016 è coinvolto in diverse esperienze lavorative che lo vedono impegnato come illustratore e fumettista. Ha un amore smodato per la narrazione di Mike Mignola, il bianco e nero di Jorge Zaffino e la dinamica espressività di Corrado Mastantuono. Attualmente risiede a Roma e continua a studiare alla Scuola Romana dei Fumetti.
Simone D'Angeloterminati gli studi all’istituto d’arte, ha capito che vuole raccontare qualcosa tramite le immagini, così si è iscritto alla Scuola del Fumetto di Palermo che frequenta tutt’ora. E' alla ricerca di nuovi codici per imparare il più possibile ed essere sempre riconoscibile. La sua priorità è fare in modo che la storia che sta illustrando sia leggibile e chiara. Il genere di fumetti che preferisce è quello americano, perché ne ama la dinamica dei personaggi e il modo di raccontare.


Nessun commento:

Posta un commento