domenica 11 ottobre 2015

Le strade del paesaggio 2015

Reportage dal Festival del fumetto di Cosenza



Sono le piccole grandi esperienze di tutti i giorni, fumettistiche e non, a renderci audaci. Rossana Scarcelli ci ha voluto raccontare con precisione ed entusiasmo la sua esperienza dal Festival del fumetto di Cosenza, tra mostre, dediche e incontri inattesi.





Ogni volta che decido di partecipare a eventi del genere cerco sempre qualcuno che mi accompagni, "da sola mi annoierei" penso, poi mi basta arrivare sul posto per ricordarmi che certe manifestazioni, insieme alla loro cultura e bellezza, regalano amici e nuove conoscenze. È successo anche al Festival del Fumetto che ha aperto i battenti venerdì 9 ottobre nella splendida cornice del centro storico di Cosenza. Per arrivarvi bisogna essere audaci davvero! Dopo una passaggiata tutta in salita per Corso Telesio, agli appassionati di Batman e Zagor ne aspetta un'altra fino al vecchio Liceo Classico.
Una volta giunti a destinazione ci si sente veramente dei super eroi! Nella grande sala d'ingresso balza all'occhio un ritratto enorme di Batman realizzato da Giancarlo Caracuzzo, ma la cosa bellissima è che accanto alla tela erano stati lasciati colori e pennelli così che ognuno potesse metterci del suo. Come a dire "quel dipinto l'ho fatto pure io", perché al Festival del fumetto puoi sentirti artista anche tu! Fantastico!

Anche la gigantografia di Zagor lasciava a bocca aperta. Alle pareti una bella rappresentanza degli autori che dal 1961 hanno lavorato al suo personaggio. Come bambini a cui viene comprato lo zucchero filato, siamo rimasti entusiasti quando ci è stato regalato un piccolo fumetto, si tratta della ristampa di una mini avventura di Zagor. Delirio! Un delirio che è aumentato quando mentre stavamo per andar via ci siamo accorti di una ressa (non rissa, eh) intorno a un tavolo e di tre uomini che a testa bassa firmavano autografi. Due di loro li abbiano riconosciuti subito, si trattava di Moreno Burattini (curatore della testata) e di Walter Venturi (disegnatore). E come ce li perdevamo? Ovviamente ci siamo messi in fila pure noi! E qui arriva una delle parti migliori del nostro pomeriggio. Mi chiedono a chi dovessero dedicare l'autografo, gli rispondo "a un gruppo, Gli Audaci" e senza pensarci un solo secondo rispondono a loro volta che quella era la dedica migliore che potesse capitargli. Come non adorarli ancora di più dopo queste parole? Ovviamente siamo usciti da lì con un mega sorriso.



A quel punto avremmo anche potuto lasciare tutto e tornare a casa, ma pensandoci bene non avremmo potuto farlo senza prima visitare le opere del grande Milo Manara. Il fumettista trentino ha anche distribuito autografi a chi acquistava un suo fumetto, mentre per tutti gli altri c'era una grande sala espositiva da visitare e rimanere letteralmente incantati. Bellezza delle sue donne a parte (scommetto che nessuno si tirerebbe indietro davanti a una gnocca di quelle!), l'aria che si respirava osservando i suoi dipinti era magica.







Se avessimo potuto visitare la manifestazione anche domenica avremmo incontrato i Cosplay e assistito alla presentazione di Morgan Lost, misterioso personaggio che esordirà il 20 ottobre. Insomma, questa visita al Festival del fumetto ha dato un senso alla nostra giornata e intanto abbiamo già preso posto davanti l'edicola per conoscere il nuovo eroe del 2015.
Rossana Scarcelli


 
Un doveroso ringraziamento va tributato alla gentilissima Stefania Dalise per la preziosa cooperazione!


Nessun commento:

Posta un commento