mercoledì 20 giugno 2012

DETECTIVE COMICS #1

Lì dove la saga dell'uomo pipistrello è iniziata...
 Lo abbiamo già giudicato più che positivamente come autore dei testi dell’albo n. 1 di “Hawkman”, ed ecco che il buon Tony S. Daniel (“Flash”, “Batman” e “Giovani Titani” con Geoff Johns per la DC, “Spawn” per la Image, “X-Force” per la Marvel) ci conferma il suo talento. Non c’è che dire: scrivere e disegnare per la testata “Detective Comics” è o non è il sogno di chiunque ‘faccia’ fumetti? Bene, lui c’è riuscito. E se oltre a fare ciò ti ritrovi a essere il responsabile - il nome di punta - per il rilancio della serie, le responsabilità aumentano, e di molto.

Ma Daniel, nonostante la giovane età, ha le spalle larghe e sa il fatto suo e questo albo è pronto a dimostrarcelo. Infatti le sue tavole sono splendide – come sempre – e per questa prima avventura sceglie di mettere in campo l’avversario numero uno di Batman, il folle Joker.
Che il nostro stia tentando di diventare l’erede di Frank Miller appare chiaro dalle meravigliose pagine (i tagli, i primi piani e, soprattutto, la scomposizione della pagina) e dal modo in cui procede il suo modo di narrare. Ci riuscirà? Come si dice? «Ai posteri…»


Sono l'unico a notare, nella posa, una lieve citazione alla cover Milleriana? (sotto)

si, sarò l'unico (VAnto)
Troviamo un Batman che, oltre a combattere il crimine comune e quello extra-ordinario (vedi Joker), deve fare i conti anche con la polizia ancora diffidente nei suoi confronti (per fortuna c’è l’ottimo Jim Gordon a dargli consigli e conforto). 
L’eroe di Gotham City sta indagando su una serie di efferati omicidi avvenuti nell’ultimo mese (corpi mutilati, organi rimossi e facce letteralmente strappate): dietro questi orribili delitti (ma perché sta agendo in questo modo così macabro?) si cela un Joker apparentemente meno folle del solito (anche se i suoi letali balocchi ci sono tutti…) che alla fine viene sconfitto, risparmiato (Batman non uccide, eh!) e fatto internare.

 Sorpresona nel finale con l’introduzione di un altro villain il quale, non si sa come, riesce a far visita a Joker rinchiuso e sottoposto alle cure del dottor Arkham. Il colpo di scena sembra promettere molto bene per il prosieguo della serie: infatti il misterioso Dollmaker (che si rivela essere il padre dell’uomo massacrato a inizio albo da Joker) si dedica a un’approfondita “pulizia del viso” del nostro cattivo preferito e il risultato è da annali del fumetto: davvero memorabile la pagina di chiusura con la faccia di Joker sanguinante inchiodata al muro.



Due parole le meritano anche il lavoro dell’inchiostratore Ryann Winn (giovane promettente) e del grandissimo colorista Tomeu Morey (apprezzato su “Hawkeye: Blindspot” della Marvel nel 2011) i cui netti contrasti cromatici donano all’albo la giusta oscurità nella quale tutti siamo abituati a vedere agire il Cavaliere Oscuro (appunto!).
In conclusione, come non essere entusiasti di questo albo d’esordio? 
Noi Audaci lo siamo, eccome! 
Sicuri che il bravo Daniel continuerà a regalarci ottime tavole e macabri risvolti narrativi.
Buona lettura e attenti alla faccia!
ROLANDOVELOCI




Recensione dell’albo DETECTIVE COMICS 1,
contenuto in BATMAN #1, maggio 2012, Lion/RW edizioni

Crediti originali
• Serie: Detective Comics
• Numero: 1
• Data: Novembre 2011

“Untitled”
• Testi e disegni: Tony Salvador Daniel
• Chine: Ryan Winn
• Colori: Tomeu Morey

Nessun commento:

Posta un commento