martedì 21 febbraio 2017

Bonelli Kids: la prima stricia umoristica SBE

Le strisce inedite della serie saranno pubblicate sul sito Bonelli e su fb





















A sorpresa circa una settimana fa è stata annunciata la nascita di Bonelli Kids, prima serie umoristica di Sergio Bonelli Editore dedicata al pubblico più giovane e interpretata dai protagonisti dei suoi albi a fumetti in una veste inedita. Da ieri hanno iniziato ad apparire sul sito sergiobonellieditore.it e sulla pagina facebook dedicata ai Bonelli Kids le strisce di presentazione dei vari personaggi di una serie che rappresenta di fatto un passo importante per la casa editrice di via Buonarroti.




Comunicato stampa

ARRIVANO I BONELLI KIDS!

Per la prima volta una serie umoristica di Sergio Bonelli Editore dedicata ai lettori più giovani e lanciata su Internet.

Sergio Bonelli Editore lancia sulla rete la prima serie umoristica dedicata al pubblico più giovane e interpretata dai protagonisti dei suoi albi a fumetti in una veste del tutto inedita.

I personaggi. I “Bonelli Kids", un gruppo di ragazzini appassionati dei fumetti della Sergio Bonelli Editore al punto di vestirsi come i protagonisti delle loro serie preferite e assumerne i nomi, fanno parte di un club davvero esclusivo. Pochi possono accedervi: non basta semplicemente abbigliarsi come gli eroi delle varie testate, ma occorre, cosa ben più difficile, rispecchiarne le caratteristiche psicologiche e fisiche. Giudice inappellabile dell’idoneità degli aspiranti è il disegnatore Art, coadiuvato da un ineffabile assistente canino di nome Kirby. Gli iscritti al Club sono già undici; gli eroi ancora mancanti entreranno a far parte del gruppo quando ad Art si presenterà qualcuno con i giusti requisiti.

Gli autori. La serie Bonelli Kids è firmata da Alfredo Castelli, il papà (secondo alcuni “il nonno”) di Martin Mystère, Sergio Masperi & Tino Adamo – ufficialmente grafici presso Sergio Bonelli Editore, ma segretamente possessori di numerosi e insospettabili talenti – e Luca Bertelè, disegnatore di fama internazionale tra gli autori della serie a fumetti di Star Wars – The Clone Wars. I colori sono di Manuela Nerolini; il lettering di Marina Sanfelice.

La diffusione. Per la prima volta in assoluto, una serie inedita di Sergio Bonelli Editore viene lanciata sulle pagine di Internet anziché sulla carta. Dal 20 al 26 febbraio, tutti i giorni esclusa la domenica, potrete leggere sul sito sergiobonellieditore.it e sulla pagina facebook dedicata ai "Bonelli kids" le strisce di presentazione dei vari personaggi. Il 27 febbraio avrà invece inizio la regolare pubblicazione della serie, con nuove strisce ogni lunedì, mercoledì e venerdì. Sulla pagina facebook “Bonelli Kids”, oltre a rileggere le strisce (“slittate” di un giorno)  avrete modo di visionare e scaricare materiale sempre inedito. 
Tra il 3 e il 5 marzo a “Cartoomics”, la grande manifestazione sul fumetto alla fiera di Milano-Rho (www.cartoomics.it) potrete conoscere meglio questi nuovi personaggi.



Gli autori
Alfredo Castelli
(Milano, 1947) in oltre cinquantanni di carriera ha ricoperto molti ruoli: autore televisivo e radiofonico, sceneggiatore, giornalista, saggista e storico del fumetto. Nel 1965 crea con Paolo Sala la prima fanzine italiana di fumetto, Comics club 104. Esordisce nello stesso anno come soggettista-disegnatore di Scheletrino, una parodia del fumetto neroedito in appendice a Diabolik. Dal 1967 scrive per vari editori: Universo (Pedrito el drito, Rocky Rider, Piccola Eva), Mondadori (Topolino), Alpe (Cucciolo e Tiramolla) e la stessa Astorina (Diabolik). Crea alcuni spot pubblicitari per Caroselloe nel 1968 è coautore del periodico Tilt, giornale satirico edito dalleditore Bertieri. Nel 1969 per leditore Gino Sansoni dirige insieme a Pier Carpi il mensile Horror, realizzando per questultimo la striscia Zio Boris e vari racconti autoconclusivi. Dal 1971 collabora con leditore Sergio Bonelli scrivendo storie per Zagor, Mister No e due episodi di Un uomo unavventura. Nel 1982 crea Martin Mystère e tutte le edizioni correlate. Collabora in veste di redattore oltre che autore a varie testate: Corriere dei Ragazzi, Il Giornalino (ed. Paoline), SuperGulp! (Mondadori), Eureka (Corno), Magic Boy (Massimo Baldini editore).

Sergio Masperi
(Magenta, 1967), si è formato professionalmente alla Scuola del Fumetto di Milano. Nel 1991 pubblica una breve storia umoristica su Fumo di Chinasu testi di Michele Medda. Successivamente entra nello staff di disegnatori correttori e completatori della Sergio Bonelli Editore. Insieme a Gian Mauro Cozzi, Francesco Rizzato e Ivan Calcaterra firma il n. 47 di Nathan Never, Exodus. Nel 2013 fa il suo esordio come sceneggiatore, realizzando il numero 271 di Nathan Never, Lorigine della specie.

Tino Adamo
(Milano, 1967) si diploma alla Scuola dArte applicata allindustria e alla Scuola del Fumetto di Milano. Lavora per diversi anni come illustratore per fanzine, autoproduzioni, agenzie pubblicitarie e riviste musicali. Ha collaborato con la Polaris Edizioni per il Corriere di Bilt ed il mensile Filò, e alla realizzazione di Anno Domini per la Galaxy Press. Dal 2001 è nello staff della Sergio Bonelli Editore.

Luca Bertelè

(Lecce il 14 Febbraio 1974) Vive e lavora a Milano dove ha frequentato la Scuola del Fumetto e successivamente lAccademia Disney. Ha esordito nel 1996 nel campo delle autoproduzioni e della piccola editoria, dove è stato co-fondatore della casa editrice Factory. Ha realizzato fumetti per alcune tra le più importanti case editrici italiane: Comic Art, Rizzoli, Hobby&Work, Play Press, Magic Press, Eura Editoriale, Editoriale Aurea, Touring Club Editore, Edizioni BD dove è stato anche Production Manager. Illustrazioni per Paravia/Bruno Mondadori, Zanichelli, Giunti, Arnoldo Mondadori e Piemme per la quale illustra i libri di Scooby Doo. Ha realizzato anche fumetti per la serie Star Wars: The Clone Wars per linglese Titan Books. Attualmente oltre al progetto Bonelli Kids per la Sergio Bonelli Editore, porta avanti una collaborazione con Disney USA, lavorando su titoli come Zootropolis, Oceania, Ralph Spaccatutto e Cars.


Tutte le immagini: © 2017 Sergio Bonelli Editore

1 commento:

  1. Eheh, ecco perché mancano Tex e Dyd! :)
    Ottima iniziativa, davvero.
    La seguirò!! :)

    Moz-

    RispondiElimina