martedì 26 luglio 2016

Dylan Dog - Il nero della paura #1

"Il bianco e il nero" e altri racconti




Dylan Dog - Il nero della paura è la nuova iniziativa lanciata da La Gazzetta dello Sport in concomitanza con la conclusione della precedente collana, Il colore della paura (che termina il ciclo di ristampe del Color Fest con il numero 54). Il primo numero contiene tre storie: l'inedito "Il bianco e il nero", di 24 pagine, realizzato da Paola Barbato e Corrado Roi, che appare come il prologo di una storia più ampia e, a seguire, due ristampe di storie brevi dell'egregia accoppiata formata da Tiziano Sclavi e Corrado Roi (ancora lui!): "La 'cosa' " e "La cantina".


"Il bianco e il nero" è una storia tipicamente integrata nella poetica di Paola Barbato. Un Dylan sull'orlo della follia, privato delle sue certezze, incontra un abitante delle oscurità. Queste ultime sono rese egregiamente dal maestro delle ombre, Corrado Roi. Messo all'opera su una storia scritta su misura per lui, il disegnatore pare particolarmente rinvigorito e a suo agio, raggiungendo gli ottimi livelli di minuziosità visti di recente sulla miniserie UT (in cui collabora, guarda caso, con la stessa Barbato): tavole molto d'impatto, piene di mezzetinte ed "esagerazioni con la china" (parafrasando la battuta metatestuale del buon Groucho espressa durante la storia stessa).
Un episodio globalmente intrigante e il cui unico difetto - se difetto può ritenersi per una serie che ci ha abituato a finali di tutti i tipi - sembra il suo concludersi sin troppo presto, quasi a configurare la parte iniziale di una storia più lunga (come in effetti, stando alle indiscrezioni, potrebbe essere).


La storia successiva, "La 'cosa' ", di Sclavi/Roi, è stata originariamente pubblicata sul TV Sorrisi e Canzoni nell'agosto 1992 (e ristampata prima nel volume "Un Editore, la nuova Avventura" del 1993 e poi nel terzo Dylan Dog Superbook). Si tratta di un classico episodio breve e fulminante, non privo di quell'inarrivabile esistenzialismo sclaviano che ha arricchito alcuni degli episodi migliori dell'Indagatore dell'incubo. Il tutto impreziosito dal tratto di un grande Roi d'epoca, dalla cui analisi anche il lettore più distratto potrà evincere interessanti differenze rispetto alla storia inedita.



Infine "La cantina", sempre di Sclavi/Roi, piccola gemma originariamente pubblicata sull'Almanacco della Paura 1991(e in seguito ristampata sul Dylan Dog Superbook #16). Dylan viene chiamato perché "qualcosa di abominevole" si nasconde in una cantina... Una delle particolarità dell'episodio è che il protagonista non compare quasi per niente, se non nel finale, terrificante e al tempo stesso geniale.

In definitiva, un debutto molto buono per una collana che certamente presenterà altre storie rare e, ci auguriamo, preziose.


Il sommo audace



"Il bianco e il nero e altri racconti"
SERIE: DYLAN DOG  - I COLORI DELLA PAURA
NUMERO: 1
DATA: 27/07/2016
SERGIO BONELLI EDITORE in collaborazione con LA GAZZETTA DELLO SPORT/RCS

"Il bianco e il nero"
SOGGETTO E SCENEGGIATURA: Paola Barbato
DISEGNI E CHINE: Corrado Roi

"La 'cosa' "
SOGGETTO E SCENEGGIATURA: Tiziano Sclavi
DISEGNI E CHINE: Corrado Roi

"La cantina"
SOGGETTO E SCENEGGIATURA: Tiziano Sclavi
DISEGNI E CHINE: Corrado Roi

COPERTINA: Giovanni Freghieri

11 commenti:

  1. Si può lasciare tranquillamente in edicola.

    RispondiElimina
  2. Ma quindi, scusate, la storia "LA COSA" non è inclusa in nessun altro albo che non sia il SUPER BOOK?

    Mi sembra strano, anche perchè i SUPER BOOK erano raccolte di storie già uscite.

    Help me! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come detto nel post, la storia in origine era apparsa su un inserto staccabile allegato al n° 35 di TV Sorrisi e Canzoni dell' agosto 1992 e poi ristampata nel volume "Un Editore, la nuova Avventura" dell'ANAFI l'anno dopo. A quanto ci è dato sapere, la storia non era poi stata pubblicata altrove, eccetto nel terzo Superbook, appunto. La collana dei Superbook, infatti, oltre alle storie già presentate su Giganti, Speciali, Almanacchi e Maxi, ha ristampato storie altrimenti introvabili o difficilmente reperibili, spesso in appendice a storie già "note".
      Speriamo di esserti stati utili!

      Elimina
  3. Quando esce il numero 2? e i successivi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Azza,
      Il secondo numero uscirà in edicola domani (3 agosto) e conterrà le storie:
      - "Gnut: di Sclavi/Brindisi;
      - "La bambina" di Sclavi/Stano;
      - "La piccola biblioteca di Babele" di Sclavi/Stano;
      - "Ufo" di Sclavi/Casertano.
      I numeri successivi saranno pubblicati con cadenza settimanale ogni mercoledì.

      Elimina
    2. Grazie!
      Le uscite saranno quindi ogni mercoledì?

      Elimina
  4. Ho un'altra domanda:
    "La nuova alba dei morti viventi", che è nel n°3, è la replica del primo volume della collana "I colori della paura"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Azza, in realtà il terzo numero comprende "Spettri" di Sclavi e Freghieri e "Beffa alla morte" di Chiaverotti, disegnata sempre da Freghieri.
      "La nuova alba dei morti viventi" è stata invece ripubblicata sul Color Fest #18 ed è in effetti la ristampa della storia di Recchioni e Mammucari contenuta nel primo numero de "I colori della paura".

      Elimina
  5. È vero, mi son confuso perché il Color Fest #18 e il terzo de "Il nero della paura" li ho comprati insieme. Ultima domanda: in questa collana ci sarà anche una ristampa di "Ancora un lungo addio"?

    Grazie mille per la disponiblità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se intendi nel Color Fest, in effetti è previsto un altro albo dedicato ai remake in cui sarà ristampato "Ancora un lungo addio" di Barbato/Di Giandomenico insieme ad altri due remake inediti (di cui uno quasi certamente sarà scritto e disegnato da Fabio Celoni).

      Elimina