mercoledì 15 giugno 2016

Torna in edicola il primo numero di Outcast

Il 24 giugno esce la riedizione del fumetto di Kirkman e Azaceta da cui è stata tratta la serie tv in onda su Fox




Come probabilmente saprete, il 6 giugno ha esordito in Italia la serie tv Fox che narra le avventure di Kyle Barnes, Outcast. Mentre la serie a fumetti di Robert Kirkman e Paul Azaceta in formato bonelliano è arrivata all'ottavo numero, saldaPress ripropone in edicola e fumetteria il primo numero, Un’oscurità lo circonda, sempre nel medesimo formato ma con una copertina differente. Dunque da venerdì 24 giugno sarà nuovamente possibile leggere l'inizio della storia...


Comunicato stampa

Torna in edicola il primo numero di OUTCAST

Venerdì 24 giugno esce la riedizione del fumetto di Robert Kirkman e Paul Azaceta, da cui è stata tratta la serie tv in onda su Fox

Robert Kirkman è uno degli autori più importanti e influenti del panorama narrativo contemporaneo. A dimostrarlo sarebbe sufficiente il successo trans-mediale di The Walking Dead, che, a partire dalla serie a fumetti, ha conquistato a suon di record la tv, il mondo dei videogame e molto altro ancora. A sancirlo definitivamente è arrivato Outcast, uno straordinario fumetto – creato da Kirkman e dal disegnatore Paul Azaceta –, da cui è stata tratta la serie tv in onda su Fox
Per celebrare il successo ottenuto dai primi episodi della serie tv – che in Italia ha debuttato il 6 giugno – e per consentire a nuovi lettori di immergersi nelle avventure di Kyle Barnes, venerdì 24 giugno saldaPress riporta in edicola e in fumetteria il primo albo del fumetto, intitolato Un’oscurità lo circonda (pagg. 72, euro 2.30). La nuova edizione del numero 1 di Outcast – Il reietto ha una cover tutta dedicata allo show: un primo piano di Kyle Barnes, interpretato magistralmente da Patrick Fugit, nella stessa posizione in cui si trova il personaggio disegnato da Paul Azaceta sulla cover del primo numero del fumetto.
Outcast – Il reietto racconta la storia di Kyle Barnes, un “reietto” appunto, cioè un giovane uomo che vive ai margini della società, a causa di un dono. Un dono molto pericoloso, molto ambiguo, ma anche molto utile: è in grado di scacciare i demoni che entrano in possesso del corpo di alcuni sventurati, sostituendone la personalità o la coscienza. Kyle vive solo (suo malgrado), non esce di casa e ha un terribile passato alle spalle. Un passato che continua a tormentarlo. Come? Attraverso una serie di possessioni che, dopo aver coinvolto la sua famiglia, continuano a manifestarsi in persone vicine a lui. È un esorcista? Forse no, non esattamente. Ma ha dimestichezza con i demoni che giocano a dadi con la vita delle persone e, per qualche misteriosa ragione, riesce a fronteggiarli. L’ha scoperto a costo di atroci sofferenze, ma avrà l’occasione di riscattarsi almeno in parte e di riprendere in mano le redini della propria vita, grazie al reverendo Anderson, un sacerdote molto particolare, che beve, gioca a poker, ma ha una fede incrollabile.
Dopo aver rielaborato il canone zombie, Kirkman si cimenta con le possessioni demoniache, divenute un cardine dell’horror contemporaneo, grazie al successo straordinario ottenuto nel 1973 da L’esorcista di William Friedkin. Lo fa a modo suo: sorprendendo i lettori e immaginando nuove possibilità per il genere.
Appuntamento con la nuova edizione del primo numero di Outcast – Il reietto dal 24 giugno in edicola, in fumetteria e nello shop online del sito saldapress.com.

3 commenti:

  1. il fumetto mi intriga non poco, ma credo che sono poche le cose che odio come le copertine con i faccioni in primo piano. è più forte di me, non ce la faccio proprio.

    ci sono possibilità di recuperarlo con una cover che sembri quella di un fumetto e non di men's health?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah!
      Certo, Claudia. La versione in b/n di Outcast è uscita inizialmente con le cover originali dell'ottimo Paul Azaceta, una regular e una variant (vedi qui: http://www.saldapress.com/articoli-skybound/531-outcast), che dovresti riuscire ancora a reperire in fumetteria. Inoltre, ancor più bella è la cover del primo volume a colori che raccoglie il primo arco narrativo (http://www.saldapress.com/articoli-skybound/607-il-primo-volume-di-outcast-a-colori).
      Giusto per concludere, la serie merita, peccato solo per la bimestralità...

      Elimina
    2. bene bene bene! mi segno i link ^^ grazie mille ragazzi!

      Elimina