venerdì 15 maggio 2015

ADAM WILD #6, #7 e #8 - Recensione (tripla)

Prosegue la nuova serie di Manfredi, con l'apporto ai disegni di Raffaelli, Tucić e Subic


Cosa insolita, almeno per gli Audaci, questa dell’accorpamento di più albi in un’unica recensione. Abbiamo seguito con attenzione e passione la prima metà della stagione d’esordio di Adam Wild, la nuova serie di Gianfranco Manfredi (Gordon Link, Dylan Dog, Magico Vento, Tex, Volto Nascosto, Shanghai Devil, Coney Island, ecc.). L’entusiasmo iniziale per una nuova uscita a firma Manfredi non si è andato spegnendo numero dopo numero, anzi: ora che siamo nel cuore, nel vivo della vicenda che l’autore milanese ha scelto di narrare, possiamo affermare con certezza che questa uscita bonelliana è quanto di meglio si possa trovare attualmente nelle edicole italiane, sotto tutti i punti di vista.


La metà della prima stagione è stata consegnata alla storia, dicevamo. E anche in questa seconda parte Manfredi sta dimostrando di sapersi muovere senza problemi nelle trame e nelle sottotrame, nei meandri più oscuri della psiche dei personaggi, i quali iniziano ad aumentare di spessore a ogni nuovo capitolo. Insomma, il nostro sa come rendere una saga interessante!



La storia di marzo, L’incubo della giraffa, disegnata dal maestro Paolo Raffaelli (il quale ha già collaborato in passato con Manfredi: vedi Faccia di pietra, Magico Vento n. 9 e Crollo di un impero, Shanghai Devil n. 15), è una storia di passaggio, che concede al lettore una pausa nella incalzante continuità della narrazione principale. Il viaggio lisergico che anche il caro Adam dovrà, suo malgrado, affrontare è uno di quelli dai quali difficilmente si torna indietro: quello negli abissi dell’ossessione. Raffaelli riesce con impareggiabile bravura a rendere gli incubi di Adam e le paranoie di Herbert Dunwich, sua vecchia conoscenza e le paure della figlia di quest’ultimo, la Doris (gradevole riferimento alla famosa scrittrice, vincitrice del premio Nobel, Lessing?). 
Al centro della vicenda è il topos ancestrale della caccia, il suo mito, la sua trasformazione da esigenza vitale a sport fine a se stesso, da rituale simbolico di lotta per la sopravvivenza a follia omicida gratuita o, peggio, mossa da interessi economici. Ovviamente in Manfredi la narrazione non è mai fine a se stessa ma si fa denuncia sociale, politica, animalista, ecologista… umana! E il lettore più preparato saprà cogliere i riferimenti all’Amleto shakespeariano così come i riferimenti alla mitologia sudanese (l’incubo della giraffa del titolo si riferisce proprio a una leggenda che vede come protagonista l’apparentemente pacifico animale dal lungo collo). Cosa fondamentale, in questo numero appare in modo volutamente palese l’elemento demoniaco o magico o ancora, se preferite, irrazionale: altro marchio di fabbrica della scrittura del talentuoso artista milanese.



Il numero dello scorso mese, Fuori dal paradiso, come lascia intuire la copertina fin troppo rivelatrice dell’onesto Darko Perovic (lo diciamo, non col cuore leggero, dopo un lungo travaglio: le sue copertine sono la cosa meno entusiasmante della serie), è un numero di importanza capitale nell’economia della serie: saltano gli equilibri all’interno della compagnia che Adam e Amina hanno messo insieme. Londo si rivela per quello che è: un miserabile vigliacco e un assassino senza scrupoli, infatti non esita a mettere in atto il suo perverso piano di eliminazione dei due odiati bianchi, Adam e il sempre più simpatico conte Narciso Molfetta. Proprio fuori dal paradiso, nel cratere di Ngorogoro, il nostro Adam(o) ritrova la sua amata Eva e riesce a schiacciare il serpente della prepotenza e dell’incomunicabilità tra le etnie. Ai pennelli Zoran Tucić, il cui tratto è sicuramente il meno consono allo stile di narrare caratteristico di Manfredi. Dire che non ci piace forse sarebbe troppo, ma gli Audaci concordano su fatto che si tratta del disegnatore che, al momento, ha fornito la prestazione meno esaltante.



Ne Il signore delle iene assistiamo alla vendetta del giovane Makibu nei confronti del malvagio Osso, un anziano capo villaggio senza scrupoli che ha sempre trattato con gli schiavisti arabi. Veniamo anche a conoscenza di raccapriccianti particolari sulla vita, in particolare sull’infanzia e sull’adolescenza negata, del giovane schiavo affrancato da Adam, il quale sarà al suo fianco in questa ennesima impresa nella quale si tufferà con il coraggio e la spavalderia che lo contraddistinguono. Stevan Subic ci regala il suo tratto deciso e gradevole che riesce a delineare con precisione ogni singolo personaggio ritratto nelle numerose scene collettive presenti. Sì, perché questa storia non vede il solito Adam protagonista assoluto ma è un’avventura corale: tutti quanti, Makibu, Amina e, soprattutto, l’elegantissimo e snob Narcy (che non esita a freddare a tradimento, con il suo spadino personale, il capo tribù che aveva venduto all’epoca Makibu a Osso), concorrono a far sì che la vicenda si concluda per il meglio.


Adesso non ci resta che aspettare il quattro giugno per poterci godere il numero nove, I giovani leoni, che ci porterà a rovistare tra gli affari sporchi degli inglesi, tra rotaie insanguinate e diritti negati.


RolandoVeloci






ADAM WILD: “L’incubo della giraffa” 
NUMERO: 6
DATA: marzo 2015 
SERGIO BONELLI EDITORE 

SOGGETTO E SCENEGGIATURA: Gianfranco Manfredi

DISEGNI E CHINE: Paolo Raffaelli
COPERTINA: Darko Perovic














ADAM WILD: “Fuori dal paradiso” 
NUMERO: 7
DATA: aprile 2015 
SERGIO BONELLI EDITORE 

SOGGETTO E SCENEGGIATURA: Gianfranco Manfredi

DISEGNI E CHINE: Zoran Tucić
COPERTINA: Darko Perovic














ADAM WILD: “Il signore delle iene” 
NUMERO: 8
DATA: maggio 2015 
SERGIO BONELLI EDITORE 

SOGGETTO E SCENEGGIATURA: Gianfranco Manfredi

DISEGNI E CHINE: Stevan Subic
COPERTINA: Darko Perovic












Nessun commento:

Posta un commento