sabato 1 novembre 2014

Lucca 2014 - DYLAN DOG

Le novità relative alla testata dell'Indagatore dell'incubo.



Lucca Comics and Games 2014. Sabato 1 Novembre, Sala Chiesa San Giovanni:
Conferenza dedicata a Dylan Dog.
Presenti: Roberto Recchioni, Paola Barbato, Gigi Simeoni, Bruno Brindisi, Angelo Stano, Carlo Ambrosini, Pasquale Ruju, Andrea Cavaletto, Gigi Cavenago, Michele Masiero, Franco Busatta e Mauro Marcheselli. 

Introduzione di Roberto Recchioni. Si parte!

Mater Addolorata. Si parla del 2016 e del trentennale della testata. Gigi Cavenago (vincitore del Premio Gran Guinigi 2014 come miglior disegnatore) ha annunciato nel corso dell’incontro con la stampa al Lucca Comics & Games che è al lavoro per il sequel di “Mater Morbi”. La notizia è stata ribadita dallo sceneggiatore Roberto Recchioni: la pubblicazione dell’albo è in programma per il 2016, in occasione del trentennale dalla nascita di Dylan Dog. Il titolo provvisorio è “Mater addolorata” e uscirà simultaneamente anche pubblicato dalla Bao.



Bloch. Paola Barbato afferma durante la conferenza che Dylan Dog #338 ("Mai più Ispettore Bloch") fa parte di un piano per scardinare quella gabbia narrativa in cui si era infilato Bloch negli ultimi anni. Si era ritrovato ingabbiato, ma adesso che ha lasciato Scotland Yard è finalmente di nuovo lui, non più solo "un ruolo". La Barbato aveva anche già dichiarato in precedenza che Bloch è il suo personaggio preferito della serie.
Brindisi: "È la terza volta che Paola in una sua storia mi fa fermare il tempo. Inoltre, in questo episodio ho dovuto rendere la morte in maniera iconica ma non grottesca, cosa non semplice [Segue spoiler!]. I due non morti, ovvero Nora (il personaggio femminile più antipatico dell'intera serie) e l'altro personaggio che cade a pezzi (ritratto sulle fattezze di Carl Malden)
torneranno in futuro! Nora sembra persino destinata a diventare il capo della mala di Londra."

Carpenter. E' il nuovo ispettore che subentrerà a Bloch e lo conoscerete già dal prossimo mese, su Dylan Dog #339 , quando ritirerà e strapperà il tesserino di Scotland Yard che Dylan non aveva mai riconsegnato.
Simeone: "Costringere Dylan in un angolo, essere ostacolato dalla polizia e non più costantemente favorito, lo spingerà a cambiare alcune cose. Carpenter vorrebbe descrivere Dylan come un pagliaccio, un cialtrone.[...] Attualmente sto scrivendo la mia nona storia di Dyd, sempre con questa presenza di Carpenter, che renderà le storie più intriganti. Ci sarà poi n rapporto un po' particolare tra la vice di Carpenter, Ranya, musulmanta, e Dylan (viene detto subito che l'inquilino di Craven Road non se la porterà a letto!). Vogliamo sviluppare qualcosa che si evolva molto lentamente nei vari mesi."


Un nome. Il mese successivo, su Dylan Dog #340, la storia di Medda/Nizzoli, in cui conosceremo la nuova città di Bloch, Wickedford, e in cui "daremo finalmente un nome a Bloch" (l'ispettore non era mai stato chiamato per nome nella serie finora, mentre ora finalmente verrà rivelato il suo nome di battesimo, scelto da Tiziano Sclavi).

 


"Vi presento John Ghost". È il titolo di lavorazione dell'albo successivo. John Ghost (protagonista dell'albetto regalato allo stand Bonelli a Lucca a chi acquistava le edizioni variant di Ringo #1, Dylan Dog #337 e Adam Wild #1) è un agente del caos. La storia vedrà un intro e una conclusione disegnati da Angelo Stano (tavole già presentate nell'albetto). La parte centrale della storia sarà invece disegnata da Bigliardo.
Stano: "Un personaggio fuori dagli schemi. Elegante, e non di brutto aspetto, a differenza di molti cattivi. Graficamente ispirato a Michael Fassbender."

"Il cuore degli uomini", Dylan Dog #342 sarà invece ad opera di Recchioni per i disegni di Dall'Agnol.

"Nessuno siamo perfetti". Il documentario sull'ideatore di Dylan Dog, Tiziano Sclavi, realizzato da Gianmarco Soldi, è già terminato. Sarà possibile vedere un'anteprima già a metà mese prossimo, intanto durante la conferenza odierna viene proiettato un trailer (che riscontra i favori e gli applausi del pubblico).

Nessun commento:

Posta un commento