domenica 5 ottobre 2014

JULIA #193

Berardi e le tare di Julia

Dallo scorso 1° ottobre potete trovare in edicola Myrna: Bloody Pulp, il numero 193 della serie regolare della criminologa le cui avventure sono puntualmente in edicola ogni mese (dall’ormai lontano ottobre 1998). Una nuova e destabilizzante avventura per la nostra amata criminologa: Myrna torna a uccidere e si prende tutta la scena, da vera “mattatrice” qual è! Questa volta, il mitico Giancarlo Berardi – ormai la più voce più autorevole del fumetto italiano – e il sempre bravissimo Maurizio Mantero – suo storico e talentuoso collaboratore – hanno superato se stessi. Non esageriamo se consideriamo questa come una delle storie più belle e più riuscite di sempre: un piccolo capolavoro che non mancherà di rendere felici tutti gli appassionati e che porterà nuovi lettori ad avvicinarsi alla serie.

Julia e i dubbi del cuore
Il Bloody Pulp Magazine è una rivista dedicata al mondo del crimine e diretta in modo sprezzante dalla intraprendente Charlotte Fryberg, una giovane e rampante donna la quale, in un’intervista rilasciata a Tina Davis di Garden TV, attacca pubblicamente Julia Kendall, la sua visione del mondo e il suo modo di combattere il crimine. Oltre alla nostra dolcissima Julia e a una furibonda Emily, sfortunatamente per la Fryberg, anche Myrna Harrod ascolta le sue parole al pepe e qualcosa scatta nella mente della serial killer. Da questo momento in poi, e siamo soltanto nella primissima parte dell’albo, entra in scena Myrna con i suoi imprevedibili cambi di umore e raptus che la porteranno a coinvolgere Charlotte e il suo fidanzato in un macabro gioco di seduzione a tre dal quale sarà davvero difficile uscire sani e salvi.

Intanto Julia, Webb e tutta la squadra sono alle prese con il cadavere – senza la testa – di un povero uomo trovato fatto a pezzi nel suo frigo e Julia non ha dubbi: è stata Myrna!


Meglio non fare arrabbiare Myrna, che cosa ne dite voi?
Quello che evitiamo di descrivervi, per non esagerare con gli spoiler, è la delicatezza della scrittura di Berardi e Mantero che arriva a livelli altissimi (impensabili per chiunque!) nel dialogo tra Julia e la sua amica Nancy che sarà fondamentale per l’evolversi della serie, ne siamo sicuri!

A realizzare i disegni di questa incredibile storia ci ha pensato il talentuoso e versatile Steve Boraley. Steve, classe ‘75, nato a Losanna in Svizzera e trasferitosi a Napoli durante l’infanzia, ha esordito con Sangue nella stanza n. 3, albo n. 47, dell’agosto 2002, per i testi di Berardi e Giuseppe De Nardo e, dopo ben quindici albi sulla serie regolare più due storie presenti sugli Almanacchi del giallo (2009 e 2012), è ormai una colonna portante della serie. Il suo ultimo lavoro per Julia è stato Il soldato Chris, l’albo n. 183 del dicembre 2013; suo anche l’ultima storia dedicata al ciclo della Harrod, Myrna: infanzia perduta, il numero 175 dell’aprile 2013 (entrambe le storie sui testi di Berardi e Mantero).


Insomma, concepito e realizzato proprio come una puntata di una delle migliori serie gialle a stelle e strisce, Myrna: Bloody Pulp vi terrà incatenati alla pagina grazie al suo saltare da una sequenza all’altra, ai suoi infiniti colpi di scena e alla sua crudezza. L’ennesimo capolavoro di un duo – quello formato da Berardi e Mantero – che ormai è un classico del fumetto italiano.

RolandoVeloci

La copertina, ad opera di Cristiano Spadoni
JULIA: “Myrna: Bloody Pulp”
NUMERO: 193
DATA: ottobre 2014
SERGIO BONELLI EDITORE

SOGGETTO: Giancarlo Berardi
SCENEGGIATURA: Giancarlo Berardi e Maurizio Mantero
DISEGNI E CHINE: Steve Boraley
COPERTINA: Cristiano Spadoni

Nessun commento:

Posta un commento