giovedì 14 novembre 2013



Ovvero: l’ultimo colpo di Ortolani

L'autore di Rat–Man alle prese con la parodia/omaggio al Re del Terrore ideato dalle sorelle Giussani è uno di quegli eventi destinati a far parlare di sé a prescindere dalla sua riuscita o meno. 


A conferma di ciò il fatto che, in quel di Lucca, il nuovo fumetto firmato Ortolani presenta è andato esauritissimo nel giro di pochi giorni. Solo merito della propaganda Panini? Non direi. Il fatto è che tutto quello che Ortolani realizza riesce a trasformarsi in un capolavoro assoluto, in un classico istantaneo del fumetto. Piaccia o non piaccia.

A noi Audaci piace, eccome! E dopo aver incontrato personalmente Leo a Lucca ed esserci fatti autografare pure il perizoma leopardato di Cinzia, vi proponiamo qualche riflessione sulla sua ultima produzione.

Partiamo dal formato: più classico di così non si poteva! L’albo riproduce fedelmente il tipico formato tascabile consacrato da decenni di pubblicazioni diabolike. Il font utilizzato per RATOLIK è identico a quello usato da sempre per DIABOLIK (scritta rossa su campo nero). La copertina è la solita meraviglia ortolaniana con il nostro re dell’errore (con tipico sguardo diaboliko!) che pianta il suo letale pugnale nel cuore di un manichino (!). In basso, il titolo: Trappola d’amore. Il retro – semplicemente da paura – : campeggia in tutta la sua femminile sensualità (tutta muscoli e spalle larghe!) il ritratto di Ada, alias Cinzia! 



La storia si fa leggere in modo veloce e le risate non si contano, come nella migliore tradizione di Rat-Man. Il nostro eroe si dimostra spietato proprio come il personaggio creato dalle sorelle Giussani, soltanto un po’ (parecchio) più… tocco! I pugnali volano con il loro letale swiisss e non risparmiamo proprio nessuno – neanche il povero Furia!!!! –, i furti hanno sempre successo (anche se le cose non vanno mai completamente lisce!), i gioielli non mancano, i rifugi impossibili e improbabili anche, ovviamente c’è il povero ispettore Biloba (indovinate da chi è interpretato?!) che s’illude di poter arrestare il suo acerrimo nemico ma che puntualmente fallisce, la storia d’amore tra Ratolik e Ada(mo!!!!!!!!) è sempre sul filo del rasoio e avrà risvolti imprevedibili e introspettivi (sì sì, come no…)!

Tra i momenti imperdibili ricordiamo gli insegnamenti del maestro Chen (alle pp. 12 e 13), l’elenco di tutti i confort casalinghi che Ratolik ha fornito ad Ada nel corso del tempo (pp. 18-20), il tentativo di fuga di Ada in barca sull’erba e il suo fermo a opera dell’ispettore Biloba (!!!) (p. 67), la sequenza di Ratolik dal barbiere (pp. 78-82), le richieste dell’architetto che sta costruendo il tunnel segreto di Ratolik (p. 87), il momento dell’inno nazionale con il suo zùm parapazùm parapazùm! (pp. 96-97) e la gioia di Ratolik quando “libera” la sua amata Ada (p. 108). 

Insomma, Ortolani ha fatto centro per l’ennesima volta, c’era da dubitarne?! W LEO! 

RolandoVeloci


RATOLIK, il Re dell’Errore 
"TRAPPOLA D’AMORE" 
Data di pubblicazione italiana: Novembre 2013 
Editore: Panini Comics

Testi, disegni, chine e copertina: Leo Ortolani

Nessun commento:

Posta un commento