giovedì 3 gennaio 2013

Il boia di Parigi

da "LE STORIE" di Barbato & Casertano.



Abbiamo già parlato del numero due della serie, lo splendido “La redenzione del Samurai”, ma a inaugurare questa nuova serie di uscite della Sergio Bonelli Editore è stato questo albo, “Il boia di Parigi” della premiata ditta Barbato – Casertano (già apprezzata su capolavori come il Dylan Dog 172 del gennaio 2001 “Memorie dal Sottosuolo”, il 183 del dicembre 2001 “Requiem per un Mostro” e sul recente “La seconda Occasione” n. 296).



È stato con un crescere di aspettative che tutti gli amanti del fumetto e gli Audaci in primis hanno atteso questa nuova serie antologica e bisogna dirlo fin dall’inizio: gli autori hanno fatto centro.
Al sottoscritto è bastato sfogliare le prime pagine e gustare gli splendidi disegni del maestro Giampiero Casertano per capire di trovarsi davanti a un piccolo pezzo di storia del fumetto nostrano (ammirare per credere…), poi dopo una prima lettura è arrivata la conferma. 
La storia ideata dalla sempre brava Paola Barbato è di quelle destinate a restare nella memoria di molti al pari del suo carismatico protagonista, Charles-Henri Sanson, il boia di Parigi del titolo.



Quest’uomo, discendente di una famiglia di famosi bourreau, è stato l’esecutore materiale della morte di personaggi del calibro di Luigi XVI, Maria Antonietta, Jacques-René Hébert, Georges Danton e anche dell’incorruttibile Robespierre.
La fama di Sanson è legata indissolubilmente allo strumento mediante il quale dava la morte durante gli anni della Rivoluzione Francese: la ghigliottina, da lui chiamata affettuosamente Louisette.


Il protagonista si trova – suo malgrado – al centro di eventi travolgenti legati al precipitare della situazione nella capitale francese dovuta alla conquista del potere da parte dei rivoluzionari, ma saprà prendere in mano le redini della carrozza impazzita della storia e compiere una sua piccola vendetta personale. 


Bello il taglio umano sul personaggio che la Barbato ha voluto offrire: tante le paure i dubbi le incertezze che affollano l’animo del boia del popolo dal volto umano e dal cuore d’oro in grado di restituire la dignità dei condannati a morte.
Insomma, non si poteva iniziare in modo migliore.
ROLANDOVELOCI 



LE STORIE
serie regolare n. 1 

SERIE: LE STORIE
NUMERO: 1
DATA: OTTOBRE 2012
SERGIO BONELLI EDITORE 

“Il boia di Parigi”

COPERTINA: Aldo Di Gennaro
SOGGETTO E SCENEGGIATURA: Paola Barbato
DISEGNI E CHINE: Giampiero Casertano

Nessun commento:

Posta un commento