domenica 1 luglio 2012

DARWIN

Sopravvivere all'Apocalisse



“Darwin” costituisce il settimo esemplare dell’interessante famiglia dei “Romanzi a fumetti” Bonelli, volumoni autoconclusivi in bianco & nero di 300 pag circa. 
La trama della storia, come riportato sul retro dell’albo, si può riassumere dicendo che “La vita di Kent Darwin, studente irlandese alla Sorbona, è improvvisamente sconvolta, quando Parigi viene devastata da un’apocalittica pioggia di meteoriti. Risvegliatosi misteriosamente dopo mesi nella città semidistrutta in cui vige la legge del più forte, Darwin incontra Kinja, un uomo enigmatico che sembra avere le sconvolgenti risposte alle sue domande. Tutto è iniziato in una data profetica: 21 dicembre 2012!”.
Dunque, alcune considerazioni sul volume: l’idea, purtroppo, come si evince dal sunto, non parte da presupposti assolutamente inediti. Il buon Luigi Piccatto, in quest’occasione in veste di soggettista oltre che di disegnatore, è partito infatti da un plot sì potente, lineare e pieno di spunti, che però non può prescindere da alcuni “link”: come scrive l’immancabile Gianmaria Contro nella sua introduzione, “artigiani e artisti del fantastico amano il caos e la devastazione”. Infatti, sarebbero innumerevoli gli esempi di libri, film, telefilm e videogiochi a cui l’idea della pioggia di meteoriti e del mondo post-apocalittico possono rimandare. Lo stesso G. Contro ne elenca alcuni dimenticandone certamente tantissimi; è anche vero che l’idea del racconto di ciò che accade dopo una catastrofe regala agli autori di una storia una libertà quasi infinita ed è difficile sfuggirle. 
Altri punti forse a sfavore potrebbero risultare sia quello di aver scelto un nome così esplicito come “Darwin” (con conseguente idea d’evoluzione, sopravvivenza ecc.), sia di aver fatto partire tutto il racconto “guarda caso” il 21 dicembre 2012. Ma tutto questo già si sapeva dalle pubblicità dell’albo, per cui nessuno può dire d’aver comprato l’albo ed esser stato gabbato!
In ogni caso, il soggetto (unito alla scorrevolissima sceneggiatura ad opera di Paola Barbato) riesce comunque a toccare, a tratti, scenari e sviluppi inusuali, portando avanti vari misteri ed intrighi che evitano la noia al lettore, costituendo infine una sorta di maxi-puntata pilota di un ipotetico telefilm (grazie anche alla presenza di personaggi dal passato misterioso o che portano avanti segreti per un po’ di tempo, un po’ alla “Lost” per intenderci): l’idea viene confermata dal finale (che non vi anticipiamo!) che strizza l’occhio agli amanti della serialità, lasciandoci probabilmente sul più bello e mantenendo vari elementi (tutti?) in sospeso. 
Però, proprio nell’ultima pagina, ci si accorge di essersi affezionati ai personaggi, quegli stessi personaggi che nelle prime pagine potevano apparire quasi stereotipati o in balia degli eventi, e che invece hanno avuto modo di dimostrare la loro natura e le loro potenzialità: su tutti, proprio il biondo Kent Darwin.
Il vero punto di forza di queste 288 pagine appare però il fronte artistico: qui Piccatto viene affiancato da due suoi collaboratori, cioè Renato Riccio e Matteo Santaniello




La storia infatti sembra fatta apposta per essere disegnata: esplosive le prime pagine (dedicate alla catastrofe) ma anche il complesso dell’albo, con composizione delle tavole non legata alla solita struttura bonelliana a 6 vignette, ma adattata a ciò che la sceneggiatura decide di raccontare. Ne risulta un impatto visivo veramente alto, costituendo forse una delle migliori prove di sempre di Piccatto dal punto di vista tecnico (insieme ovviamente ad alcuni suoi memorabili Dylan Dog).



Per concludere, l’operazione bonelliana dei “Romanzi a Fumetti“ continua a rivelarsi intrigante, un po’ per la libertà donata agli autori, un po’ per la possibilità di leggere avventure di diverso tipo: presto tale operazione sarà “bissata” dalla collana “Le Storie”, anch’essa con protagonisti ed autori non fissi, operazione a cui auguriamo tutte le fortune possibili. 
L’unica pecca se vogliamo, e nemmeno da poco, è costituita dal prezzo: con il recente aumento dei prezzi di tutti gli albi Bonelli, questi volumi con più pagine sono “aumentati di più”: non tutti saranno disposti a spendere 9,50€ per quest’albo, purtroppo (nonostante sia un prezzo equo se confrontato a decine di titoli francesi o a graphic novel da libreria).
Giuseppe "Giuppo" Lamola



in breve >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>


"Romanzi a Fumetti" N.7
TITOLO: “DARWIN”
IDEAZIONE e SOGGETTO: Luigi Piccatto
SCENEGGIATURA: Paola Barbato
DISEGNI: Luigi Piccatto, con la collaborazione di Renato Riccio e Matteo Santaniello
COPERTINA: Luigi Piccatto
LETTERING: Luca Corda
DATA DI PUBBLICAZIONE: Giugno 2012


Nessun commento:

Posta un commento