giovedì 8 marzo 2012

PICCOLA GUIDA alle future proposte Bonelli (parte II)

Riprendiamo il discorso delle novità in arrivo (a breve-medio termine) per la Bonelli, che avevamo cominciato qui.
Si sa che purtroppo i tempi di lavorazione di una nuova serie sono abbastanza lunghi (in genere intorno ai 2 anni); questo non fa che accrescere l’attesa per queste 3 nuove serie regolari attualmente in cantiere. Saranno i nuovi fenomeni editoriali del futuro? Siamo all’alba di un periodo di rinascita? Solo il tempo potrà risponderci.

Intanto, diamo uno sguardo più da vicino:

• SAGUARO (data d’uscita: primavera 2012)
Serie che prende il nome da un cactus presente in Arizona e in Messico.
Sarà un western atipico, moderno, metropolitano. L’autore Bruno Enna ha dichiarato sul sito Comix Factory che: “Saguaro è il soprannome del protagonista: un ex militare, di origini navajo/tohono, che diventa un agente federale. Le sue avventure sono ambientate nei primissimi anni ‘70 (un periodo teso e importante, per i nativi)".


• Testi:
Bruno “Dylan” Enna.

• Disegni: Alessandro Poli (creatore grafico della serie, già copertinista delle miniserie “Demian” e “Cassidy”), Fabio Valdambrini (disegnatore del primo numero), Luigi Siniscalchi, Marco Foderà, Alessandro Pastrovicchio, Elisabetta Barletta, Italo Mattone, Davide Furnò e Paolo Armitano, Ivan Vitolo.

Cover USA di Dragonero

• DRAGONERO (data d’uscita: 2013?)
Serie fantasy che proseguirà la storia presentata nel primo volume dei Romanzi a Fumetti (296 pag, luglio 2007).
Tale volume fu pubblicato anche negli USA un paio d’anni dopo dalla casa editrice Dark Horse (quella di Hellboy e Sin City). Inizialmente il seguito avrebbe dovuto presentarsi come un nuovo Romanzo a Fumetti, ma poi fu deciso di trasformarlo in una serie lunga, per cui il volume extralarge previsto sarà “spezzettato” all’interno dei primi tre episodi della futura serie.

Il protagonista sarà Ian Dragonero, Uccisore di Draghi, affiancato dal suo amico orco Gmor.

• Testi: Luca “Gea” Enoch e Stefano “Nathan” Vietti.

• Disegni: Giuseppe Matteoni (già autore dei disegni del Romanzo a Fumetti di “Dragonero” del 2007), Alfio Buscaglia, Cristiano Cucina, Gianluca Pagliarani, Sergio Gerasi, Gianluca Gregorini, Giancarlo Olivares, Francesco Rizzato, Antonella Platano, Giuseppe De Luca e Andrea Bormida.
• Copertine: Giuseppe Matteoni.


• Una nuova serie di Manfredi (data d’uscita: 2014?)
Serie ambientata in un periodo a cavallo tra l’ ‘800 e il ‘900 (l’autore assicura che il protagonista stavolta non sarà Ugo Pastore, già visto in “Volto Nascosto” e “Shanghai Devil”).

• Testi: Gianfranco “Magico Vento” Manfredi
• Disegni: ?

Insomma, questo è quel che sappiamo finora.
Forse poco, ma già idoneo a farsi un’idea (cercate un po’ nel web i nomi degli autori e ciò che hanno fatto sinora per rendervene conto).

Dopo questa breve presentazione, ci sembra interessante ricapitolare gli esordi e i destini delle ULTIME serie regolari lanciate dalla casa editrice di via Buonarroti (escludendo quindi le miniserie come “Greystorm”, “Caravan” e “Volto Nascosto”).

• Luglio 1997: Magico Vento.
• Settembre 1997: Napoleone.
• Giugno 1998: Brendon.
• Ottobre 1998: Julia.
• Aprile 1999: Jonathan Steele.
• Luglio 1999: Gea.
• Aprile 2000: Dampyr.
• Marzo 2001: Gregory Hunter.


Come noterete facilmente, queste otto serie esordirono nell’arco di soli 4 anni, dando vita ad un exploit che poche altre volte si è verificato nella storia della casa editrice milanese. Di queste serie, solo tre (“Brendon”, “Julia” e “Dampyr”) sono tutt’ora in corso di pubblicazione. “Napoleone”, serie nata in origine con l’idea di durare 8 numeri, si è prolungata sino al n.54. “Gea”, semestrale atipico interamente scritto e disegnato da Luca Enoch, è durato 18 numeri, “comportandosi” di fatto come una miniserie.
In ogni caso da OLTRE DIECI ANNI non era nata alcuna nuova serie regolare SENZA SCADENZA NUMERICA PREDEFINITA.
Oggi invece, pare che le cose cambino.
Auguriamo in ogni caso a tutti gli autori il successo che meritano (supponiamo) per l’impegno profuso.  
Giuseppe "Giuppo" Lamola

Nessun commento:

Posta un commento