lunedì 23 gennaio 2012

GLI INTRUSI appunti da una terra vicina



Questo libro-fumetto pubblicato da Coconino Press nasce da un progetto intrigante.
Nel 2007 alcuni fumettisti emergenti che vivono in altre regioni d’Italia vengono invitati a trascorrere un periodo in Puglia, nella provincia di Bari, e a raccontare una storia facendosi influenzare dall’esperienza. Così questi “intrusi”ci propongono piccoli episodi quotidiani ambientati nel territorio barese, storie di compromessi e di famiglie disgregate, di criminalità e di bravate, di gioie passeggere e di dolori sommersi. Di vita insomma. Alcuni episodi risultano forse privi di una appagante conclusione o di un messaggio definito, ma i personaggi trovano comunque il tempo per farsi amare.
Particolarmente efficace è “Fratelli”, scritta e disegnata dal talentuoso e sintetico Alessandro Tota. La vita dei due fratelli del titolo non è affatto semplice, tra la mancanza di riferimenti, un desolante ambiente familiare e il sospetto che uno dei due abbia seri problemi psicologici. Disoccupati, cercano di sbarcare il lunario con espedienti (ad esempio
vendendo un quadro che ha un valore più che altro affettivo per la loro madre), fanno scelte che li porteranno a scontrarsi e, alla fine, a ritrovarsi così come avevano iniziato, potendo cioè contare solo l’uno sull’altro. Pasquale La Forgia (di origini pugliesi ma residente a Milano) in “La vita vera” racconta invece di uno scrittore privo di idee ma colmo di successo che arriva ad Altamura; qui può sbandierare i suoi pregiudizi sul Sud, cercando di vivere forzatamente qualcosa di cui poi raccontare nei suoi racconti sulla violenza e il disagio.
Esperimenti come questo volume risultano insomma particolarmente positivi (ad eccezione al solito del prezzo poco invitante); facilitano infatti l’affermarsi di un’idea diversa del territorio pugliese e della possibilità di raccontarlo in maniera critica ma reale e costruttiva, come già accade in alcune canzoni di Caparezza o in certi film di Sergio Rubini.
Giuseppe "Giuppo" Lamola


"Intruso è chi si trova dove non dovrebbe, chi si recconta storie vissute da qualcun'altro. In questo libro gli intrusi sono un gruppo di autori che si confronta col territorio della provincia di Bari: un luogo per nulla esotico o lontano, eppure inaspettatamente vast, come tutti i piccoli particolari sotto la lente della narrazione." dalla prefazione di Goffredo FOFI


 

Nessun commento:

Posta un commento